Supplì alla romana

Supplì alla romana


Il fingerfood più amato dai romani ? Senza dubbio il Supplì : fritto, croccante, con la mozzarella filante e da mangiare assolutamente con le mani è lo street food per eccellenza nella capitale !

Imprescindibile per un vero supplì romano è il fatto che sia “al telefono”, cioè che una volta diviso in due la mozzarella filante congiunga le metà spezzate, come il filo del telefono unisce la cornetta all’apparecchio.

E già da questo paragone si capisce che la ricetta è davvero d’altri tempi, quando i telefoni squillavano con il suono del campanello della bicicletta e questo era un piatto di assoluto riciclo, fatto per usare gli avanzi del riso al pomodoro del giorno prima.

Da cibo locale e povero, ormai i supplì si mangiano in tutto il mondo, nella classica forma cilindrica e con il gusto croccante e saporito. Da Tokyo a New York il supplì si mangia come lo mangiamo a Roma : rigorosamente con le mani e rigorosamente spargendo briciole dappertutto😆, anche se oramai ha perso la sua connotazione di pietanza di recupero ed è diventato a tutti gli effetti una vera specialità capitolina.

E noi che siamo Romani DOC potevamo lasciarci sfuggire la proposta che ci ha fatto Bauer di cucinare una pietanza tipica con un loro famoso prodotto ? Certo che no !

Preparato attraverso una lenta e delicata lavorazione, con ortaggi miscelati a carne di prima qualità e olio extra vergine di oliva, senza aromi e additivi chimici, senza glutammato monosodico e senza grassi idrogenati, questo piccolo dado magico sa offrire una marcia in più anche a questa antica, ma sempre attualissima ricetta.

Noi abbiamo visitato con grande piacere e interesse la fabbrica della Bauer a osservato direttamente la produzione. Un’esperienza davvero unica che ci ha fatto apprezzare ancora di più la sua qualità !

Non possiamo che ringraziare l’azienda per questa splendida giornata passata a cucinare assieme, di cui presto vedrete le immagini e lasciarvi a questa stuzzicante videoricetta, di cui trovate sul Blog tutto il procedimento.

Buon appetito !

 

 

supplì
Stampa Pin
No ratings yet

Supplì alla romana

I più che classici Supplì "al telefono" , tipici della cucina romana. Come resistere alla mozzarella filante racchiusa in un croccante guscio di riso fritto e impanato ?
Portata Antipasto, Piatto Principale, Piatto Unico, Primi Piatti
Cucina Romana
Keyword Supplì, supplì alla romana, supplì di riso
Preparazione 30 minuti
Cottura 6 minuti
Riposo riso 1 day
Porzioni 8 Supplì

Ingredienti 

  • 250 g Riso (Originario)
  • 300 g Carne tritata (Manzo e Maiale)
  • 250 g Passata di Pomodori
  • 3 Uova
  • 200 g Mozzarella
  • 1 Dado di Carne (Bauer)
  • 320 ml Acqua
  • 1 Carota
  • 1 Cipollotto
  • 1 Costa di Sedano
  • qb Pane Grattugiato
  • 1 l Olio di Semi di Girasole (per la frittura)
  • qb Sale
  • qb Pepe Nero

📖 Istruzioni 📖

  • Iniziamo tritando molto finemente a coltello la carota, il sedano e il cipollotto Versiamo il trito in una padella con un filo di Olio Extravergine di oliva e accendiamo la fiamma a fuoco medio. Soffriggiamo per qualche minuto
  • Ora è il momento di aggiungere la carne tritata e far rosolare per due o tre minuti, poi versare nella padella il riso, alzare la fiamma e cuocere mescolando per ancora cinque minuti.
  • Abbassiamo la fiamma e aggiungiamo il Dado Bauer, poi subito l'acqua tiepida mescolando per far sciogliere bene.
    supplì
  • Subito dopo mettiamo nella padella anche la passata di pomodori. Mescoliamo e lasciamo cuocere a fiamma bassa e pentola scoperta fino a che il riso non avrà assorbito tutto il liquido. Ci vorranno circa 15-20 minuti
    supplì
  • Quando il riso sarà ben asciutto lo verseremo in una teglia e copriremo con un canovaccio. Dovrà raffreddarsi e riposare per 24 ore prima di proseguire con la preparazione.
  • Trascorso questo tempo porzioniamo il Riso aiutandoci con una paletta in modo da creare le dosi per i singoli supplì. Con le dosi indicate potrete preparare 8 supplì grandi o 12 più piccoli, a seconda delle vostre esigenze.
  • Ora oliamo leggermente il palmo delle mani e prendiamo una porzione di riso. Appoggiamo una striscia di mozzarella al centro del palmo e richiudiamo per formare una palla ovoidale, premendo bene per far sì che la mozzarella sia completamente ricoperta e il riso ben compattato
    supplì
  • Sbattiamo bene in un piatto fondo le uova assieme al sale e al pepe nero
  • Passiamo il supplì nell'uovo sbattuto, poi nel pane grattugiato. Ripetiamo questa operazione due volte per ogni supplì fino a terminare la preparazione
  • Alla fine disponiamo i nostri supplì in una teglia pronti per la fase della frittura !
    supplì
  • Facciamo scaldare l'Olio a 160°C e inseriamo delicatamente al suo interno i supplì uno per volta, facendo attenzione che non rimangano attaccati al fondo. Potete anche aiutarvi con una forchetta o una schiumaiola per tenerli distanti dal fondo negli istanti successivi all'immersione.
    supplì
  • Lasciamo cuocere per 6-8 minuti e poi quando i supplì saranno ben dorati estraiamoli dall'olio e mettiamoli ad asciugare su carta assorbente, spruzzandoli con una spolverata di sale.
    supplì
  • Se dovete friggere parecchi supplì, potete mettere quelli giù pronti in forno a 150°C per tenerli caldi mente ultimate la frittura degli altri
  • Quando tutti i supplì saranno pronti, portateli in tavola e gustateli ancora caldissimi, in modo da godere dello spettacolo della mozzarella filante che esce dal guscio croccante quando si spezzano !
    supplì

Note

Per la preparazione dei Supplì alla romana , anche detti "al telefono" per via dei fili di mozzarella che si formano alla rottura , è più indicato il riso originario, ma potete usare anche del riso vialone nano.
Ricordatevi che questo è un piatto romano nato dalla più genuina cucina di riciclo, per cui si usava il riso del giorno precedente molto colloso e amidaceo per formare le sfere. E' quindi molto importante, anzi fondamentale, lasciare riposare il preparato per 24 ore prima di formare i Supplì ! Non abbiate fretta e prendetevi questo tempo per la preparazione.
Altra fase cruciale è quella dell'inserimento della mozzarella all'interno del supplì. Fate attenzione a che questa sia ben coperta dal riso e sia centrale nella polpetta di riso. La doppia panatura garantirà che il formaggio rimanga all'interno sciogliendosi, ma c'è sempre il malaugurato caso in cui la mozzarella trovi la via per uscire durante la cottura, come si sentirà bene dal crepitare e scoppiettare dell'olio bollente !
Nessuna paura ! in questo caso sarà semplicemente necessario estrarre prontamente il supplì "bucato" dall'olio e finire magari di cuocerlo in forno. Se non lo toglierete dalla padella, presto la cucina sarà invasa da goccioline di fritto e inoltre rischierete di scottarvi seriamente ! Quindi non rischiate l'ustione per un supplì e invece riponete la massima cura nella preparazione in modo da chiuderli alla perfezione.
I supplì si possono conservare in frigorifero per un paio di giorni ed essere gustati dopo averli scaldati nel forno per un quarto d'ora. Se volete surgelarli, fatelo quando li avete chiusi e impanati, avvolgendo ciascuno di essi nella pellicola a caramella. In questo caso fateli scongelare bene prima di friggerli !

Post in collaborazione con @Bauer_trentino

 

 

 


Related Posts

La Coda alla Vaccinara

La Coda alla Vaccinara

Uno dei piatti più famosi e iconici della cucina romanesca, che rimane tra i più squisiti e apprezzati della tradizione culinaria più sincera e genuina della città eterna. Eccovi la ricetta originale !

Rotolo con Sclopit e Mozzarella

Rotolo con Sclopit e Mozzarella

Potrete sfoggiare questo sfizioso rotolo con lo Sclopit come sfiziosissimo antipasto o come fingerfood da TV o, perché no, unirlo ad altre ricette primaverili per il Brunch o la colazione !